Corsi

Introduzione

I nostri Corsi sono il frutto di una lunga esperienza e professionalità, sono stati studiati per fornire conoscenze specifiche sia a neofiti che a professionisti.
Crediamo che ognuno di noi possa avere l’opportunità a “facilitare” le proprie situazioni di vita e lavoro, non in via semplicistica, bensì apprendendo nuovi metodi relazionali, di sensibilità emotiva e di applicazione motivazionale.
Grazie alla nostra esperienza pluriennale in questa materia innovativa – la Facilitazione esperta – abbiamo costruito un percorso formativo, volto sia alla crescita professionale che personale: un’integrazione indispensabile visto il campo comportamentale dei saperi in gioco.
Dal 2012 abbiamo definito il percorso ottimale per la formazione alla facilitazione, strutturandolo su 3 livelli per un totale di 200 ore.

 


Corsi professionali in facilitazione

I nostri corsi professionalizzanti si tengono in diverse città italiane ed europee, oltre al calendario della Scuola i corsi e i workshop possono essere programmati su richiesta in altre sedi, con un numero minimo di iscritti. Il percorso professionale completo per diventare Facilitatore è composto da 200 ore e prevede la consegna dell’attestato per ogni livello frequentato e del diploma finale al termine del percorso.

 

 

  • Strumenti per facilitare, 2° livello, 50 ore ​Dettagli

 

  • Fare il facilitatore, 3° livello, 80 ore Dettagli

 


La prima tecnologia siamo noi

Nel metodo adottato dalla Scuola gli allievi vengono sollecitati a connettere i tre diversi piani di ogni fenomeno: il corpo, le emozioni e la ragione. Affinando il pensiero, allargando i sentimenti e dando agli scambi concretezza e fattualità. Durante il percorso potranno curare propri lati deboli e vulnerabili, per generare un profilo personale e professionale più integrato, composto dalla conoscenza dei propri lati deboli e dall’attivazione delle proprie forze e risorse migliori.

Questo lavoro di riformulazione lo abbiamo denominato la “prima tecnologia siamo noi”, con tutte le sue parti più diversificate, che richiedono un vero e proprio “assemblaggio”: una specie di coro di intelligenze personali e relazionali, che spesso sono poco conciliatrici tra loro, che però possono trovare migliore collocazione nella persona e nei gruppi di sua appartenenza.

I nostri studenti apprendono come governare e modulare i poli spesso dicotomici tra azione e riflessione, tra operatività e relazione, tra razionalità ed emozione. Al pari dell’assemblaggio delle intelligenze e dei talenti, l’altra parte fondante del percorso formativo è data dalla grande articolazione metodologica delle mappe concettuali e delle tecniche della facilitazione, da portare nel lavoro e nella crescita personale.

 


Nello specifico le capacità acquisite saranno:

1. Area dell’azione
– Alimentare il nesso compito-relazione e produzione-partecipazione
– Strutturare contenuti, modalità e tempi
– Dare ritmo agli scambi
– Creare climi più caldi e vivi
– Fare gruppo
– Alternare il direttivo e il partecipativo
2. Area della comunicazione
– Parlare in modo circolare e dialogico
– Attivare il ponte sé-altro
– Ascoltare meglio, anche difficili
– Agire i feedback
– Mettere più corpo, il corpo esperto
– Gestire conflitti
– Fare negoziazioni e mediazioni
3. Area delle emozioni e dell’aiuto
– Mettere in conto le negatività (bio-psico-sociali)
– Riconoscere la centralità delle emozioni
– Crescere in intelligenza emotiva
– Accogliere, contenere, trasformare le negatività
– Agire la capacità trasformativa
– Gestire negatività media e alta, anche le forme più spinte di aggressività
– Praticare i diversi metodi anti-negatività
– Imparare a curare il proprio negativo
4. Area dell’impegno e della positività
– Creare ponti tra conoscenze teoriche e azioni pratiche
– Fare programmi fattibili
– Rafforzare impegno, valori e valutazioni
– Condurre buone riunioni
– Facilitare processi collettivi e gruppi di pratiche
– Stimolare creatività e capacità alte
– Sviluppare positività e senso costruttivo di sé e nei gruppi
– Cambiare come adulti e come professionisti