Master-Face

Introduzione

Il piano della formazione che offre la Scuola è frutto di una lunga esperienza e studi di avvicinamento progressivo ad una nuova capacità (la facilitazione) e ad un nuovo profilo (il facilitatore), conoscenze che per nostra missione sociale mettiamo a disposizione sia di neofiti che di professionisti.
La casa della Facilitazione esperta (FACE), costruita come approccio e impianto di metodo dal dr. Pino De Sario nel 2005. Il Master-Face ha preso corpo a partire dal 2007 e via via nel 2017 ha completato la sua fase di messa a punto e collaudo.

Così, ogni persona (adulto, cittadino, genitore, professionista, capo o collaboratore) può avere l’opportunità di “facilitare” le proprie situazioni di vita e lavoro, non in via semplicistica, bensì apprendendo nuovi metodi relazionali, di sensibilità emotiva e di applicazione motivazionale.
Grazie alla lunga esperienza in questa nuova materia abbiamo costruito il Master, volto sia alla crescita professionale che personale: un’integrazione indispensabile visto il campo comportamentale delle competenze in gioco. Dal 2012 abbiamo definito il percorso ottimale per la formazione alla facilitazione, strutturandolo su 3 livelli per un totale di 200 ore.

 

Struttura del Master

Master-Face: i 3 livelli sono progressivi, a ogni livello segue un intervallo di tempo di alcuni mesi.
Ogni livello: è esauriente e porta a conclusione lo specifico grado di studio.
Frequenza: si può frequentare anche solo il 1° liv., oppure anche fino al 2° liv.
Ore/formazione: Aula, 160 ore. Tirocinio, 40 ore. Totale, 200 ore.
Tipologia: Aula in presenza, nei week-end, sabato intero e domenica mattina.
Materiale didattico: ogni partecipante riceve Dispensa e Schede di allenamento dei metodi.

 

1° Livello | METODI PER FACILITARE | 50 ore (Dettagli)

Introduzione agli strumenti della “facilitazione esperta” nei suoi 4 vertici di competenze
OBIETTIVI

  • Acquisizione metodologica della facilitazione, il Face-model
  • Apprendimento-allenamento delle “4F” e tecniche a corredo
  • Prove di dualità, pensiero ecologico e complesso
  • Primi lavori su di sé, la biologia personale, le forme vitali del facilitatore

2° Livello | STRUMENTI PER FACILITARE | 50 ore (Dettagli)

Fare proprie mappe e tecniche per facilitare i gruppi e loro applicazioni
OBIETTIVI

  • Rinforzare i “metodi per facilitare” (1° liv.)
  • Comprendere più compiutamente le influenze di cervello, persona e organizzazioni
  • Ampliare le competenze di facilitazione nei gruppi e nei contesti
  • Sviluppare il training personale, la crescita di sé, la biologia personale

3° Livello | FARE IL FACILITATORE | 60 ore (Dettagli)

Sviluppo delle capacità facilitatrici nei gruppi verso contesti complessi
OBIETTIVI

  • Le capacità facilitatrici complesse
  • Consolidamento di approcci cooperativi
  • Perfezionamento di mappe e tecniche del facilitatore
  • Approfondimento del programma “curo il mio negativo”
  • Ricerca di un proprio stile personale di facilitazione.


Contenuti didattici

I nostri allievi quali capacità apprendono? Nello specifico nei singoli Livelli e più compiutamente a conclusione del Master, il partecipante acquista le seguenti abilità.

 

1. Area dell’azione (F1-Coordinare)

Alimentare il nesso produzione-partecipazione
Strutturare contenuti, modi e tempi
Ordinare e dare ritmo al lavoro
Creare climi più caldi e meno severi
Spingere al lavoro di gruppo
Aderire ai fatti e al contesto
Alternare guida direttiva e partecipativa
Impostare contesti efficaci per i gruppi

2. Area comunicazione (F2-Coinvolgere)

Parlare in modo circolare, più cambi di turno
Attivare il ponte sé-altro
Ascoltare meglio e in condizioni anche difficili
Sollecitare punti di vista diversi, feedback
Mettere più corpo negli scambi, il corpo esperto
Gestire i conflitti in modo costruttivo
Favorire buoni accordi, negoziazioni, mediazioni
Stimolare la parola ecologica, genuina e concreta

3. Area emozioni-aiuto (F3-Aiutare)

Mettere in conto le negatività (bio-psico-sociali)
Riconoscere la centralità delle emozioni
Accogliere, contenere, trasformare le negatività
Agire la capacità negativa
Fronteggiare negatività media e alta
Aver presente che il negativo è anche risorsa
Praticare le diverse tecniche anti-negatività
Curare il proprio negativo

4. Area impegno-positività (F4-Attivare)

Aumentare apprendimenti e motivazione
Definire tempi, compiti, decisioni, piani di lavoro
Condurre riunioni produttive e riunioni di ascolto
Agire i metodi per attivare, spinta che attiva
Seguire il “taccuino del facilitatore” (10 scene)
Sviluppare le “forme vitali” del facilitatore
Facilitare processi collettivi e multi-attore
Stimolare la creatività

Percorso esperienziale e professionalizzante

Il Master-Face si caratterizza come percorso formativo esperienziale, di lavoro sulla persona e al contempo come un laboratorio pratico di strumenti e tecniche efficaci volte alle professioni. Quindi, esso è composto da una parte esperienziale e da una professionalizzante.
Nell’approccio adottato dalla Scuola gli allievi vengono sollecitati a connettere i tre diversi piani di ogni fenomeno: il corpo, le emozioni e la ragione: affinando il pensiero, allargando i sentimenti e dando agli scambi connessione e concretezza. Nel Master l’allievo può curare propri lati deboli e vulnerabili, per generare un profilo personale e professionale più integrato, composto dalla conoscenza dei lati difficili e dall’attivazione delle proprie abilità e risorse migliori.
Questo lavoro di riformulazione lo abbiamo denominato la “prima tecnologia siamo noi”, per un vero e proprio “assemblaggio”: un coro di intelligenze personali, relazionali, produttive.
I partecipanti al Master apprendono come governare i gruppi e a modularne i poli spesso dicotomici tra logica ed emozione, produzione e partecipazione, tra negativo e positivo. Al pari dell’assemblaggio delle intelligenze e dei talenti personologiche, l’altra parte fondante del percorso formativo è data dalla grande articolazione pratica, tecnica, riferita a strumenti da apprendere per la facilitazione nei suoi quattro vertici essenziali: F1-Coordinare, F2- Coinvolgere, F3-Aiutare, F4-Attivare.

 

Diploma e Attestati

Consegna di Attestato finale nel 1° e nel 2° liv.
Diploma di “facilitatore esperto” a conclusione del 3° liv.

 

Requisiti di accesso

Aperto a tutti il 1° liv.
Per il 2° liv., accesso agli allievi frequentanti il 1° liv. e allievi nuovi che hanno lauree in: psicologia, sociologia, scienze dell’educazione, comunicazione, assistente sociale, scienze per la pace; oppure diploma di counseling.
Per il 3° liv., accesso agli allievi frequentanti il 2° liv.

 

Metodologia

Il Master è di tipo esperienziale, incoraggia scambi, attivazioni, riflessioni. Nelle unità didattiche si alternano apprendimento teorico e anche pratico. Si cura sia il piano professionale che quello personale. La didattica è multimodale, ovvero alterna unità: a) in forma di lezione, b) esercitazione e allenamento, c) casi concreti, d) ascolto emotivo, e) espressione corporea con impiego di musica, f) umorismo e defaticamento.
Per un continuum di generi e funzioni che compongono un corpo didattico attivo, coinvolgente, pratico e divertente.

 

Direzione scientifica

Dr. Pino De Sario

 

Docenti

Pino De Sario, psicologo
Leonardo Frontani, economista
Paolo Martinez, sociologo
Rodolfo Lewanski, docente Scienze Politiche, Università di Bologna

 

Sedi

Il Master-Face per intero ha sede a Bologna.
Singoli livelli si tengono anche in altre città, tra cui Torino e Roma.
Valutiamo anche sedi altre, su specifica richiesta di organizzazioni e committenti.